.  Yogurtiera È indispensabile  che tutti gli strumenti utilizzati per preparare e conservare lo yogurt dovranno essere stati precedentemente sterilizzati attraverso bollitura e non sottoposti a nessun inquinamento biologico. Come prima cosa occorre preparare la cosiddetta madre, la base da cui si preparerà successivamente lo yogurt ogni volta che si vorrà. Un tempo lo yogurt si preparava sempre in casa, tradizione che si perse ma che tornò in auge per un breve periodo: negli anni ’80 la madre era diventata una moda che aveva contagiato gran parte delle famiglie italiane; era difficile entrare in una cucina dove non fosse custodita gelosamente. Come moda risultò effimera, e fu un peccato: preparare lo yogurt in casa è relativamente semplice e molto economico.

  Preparazione della madre. Come base si deve utilizzare lo yogurt commerciale, tenendo presente che è un tipo di yogurt la cui carica batterica è stata fortemente ridotta dai processi di produzione. Per cui il procedimento dovrà essere ripetuto almeno quattro volte, per ottenere una vera base da cui ricavare yogurt con giusto carico batterico. Durante questi primi passaggi ci si può limitare a produrre piccoli quantitativi di yogurt madre, il minimo necessario per il passaggio successivo.

Yogurt, curcuma, zenzeroyogurt fragole kiwi

Mettere a scaldare mezzo bicchiere di latte e spegnere il fuoco non appena arriva ad ebollizione. Lasciare raffreddare fino a 40 gradi circa. In una tazzina mescolare con un po’ del latte bollito, due cucchiaini di yogurt commerciale bianco, o di madre nei passaggi successivi al primo, che dovranno essere almeno quattro.  Unire il composto al latte restante, versare il tutto  in un contenitore di vetro, chiudere ermeticamente. Lasciare in un luogo tiepido e riparato a fermentare per almeno 12 ore. La madre, una volta pronta, si presenterà, soprattutto nei primi due passaggi, come una massa gelatinosa, liquida e immersa in un siero trasparente. Una volta ripetuti questi passaggi per almeno quattro volte si avrà la vera madre con cui preparare lo yogurt. Va conservata in frigorifero in un contenitore di vetro chiuso ermeticamente, per non più di una settimana. È quindi necessario entro questo tempo preparare altra madre, con lo stesso procedimento sopra descritto.

Ci sono varie ricette per la produzione di yogurt casalingo. Le due principali si discostano solo perché una prevede l’utilizzo di panna e l’altra no.

Con panna.  Mettere a bollire un litro di latte e 200 ml. di panna liquida. Una volta raggiunta l’ebollizione, spegnere e immergere il recipiente in uno più grande contenente acqua fredda; mescolare il composto finché non raggiunge la temperatura di 46 gradi. In una pirofila che era stata riscaldata a 46 gradi versare 20 ml. di madre, unire tre cucchiaiate di miscela di latte e panna per stemperare, quindi versare il resto del composto. Chiudere ermeticamente e lasciar riposare per almeno 12 ore in un luogo tiepido e riparato. Lo yogurt deve presentarsi come una massa compatta; la presenza di siero indica che la temperatura di fermentazione è stata eccessiva: lo yogurt risulterà più acido. Va conservato in frigo in un contenitore a chiusura ermetica per non più di una settimana.

Senza panna.  Portare quasi a ebollizione due litri di latte fresco, e lasciar cuocere per 15 minuti mescolando frequentemente. Mettere la pentola a raffreddare in acqua fredda, quando raggiunge circa i 40 gradi estrarre dall’acqua fredda. Mischiare due cucchiaini di madre o di yogurt intero con due di latte, eliminare i grumi, quindi aggiungere il resto del latte. Chiudere il contenitore e posizionarlo vicino a una fonte di calore a 40 gradi per tre ore. Quindi conservare in frigorifero; dopo 12 ore dovrebbe essere completamente raffreddato. Consumare entro una settimana.

Una curiosità: una cucchiata di goloso Yogurt magro, è ottima anche per i vostri amici a quaddro zampe. I probiotici dello Yogurt, aiutano a ripristinare anche la loro flora intestinale, oltre a fornire i già conosciuti componenti, proteine, calcio, fosforo, vitamina B12, potassio e zinco

    Per addolcire il vostro Yogurt e farlo diventare più gradevole ed energetico, consigliamo di usare del buon miele integrale o naturale. Qualunque miele è adatto. Verranno gusti sempre diversi, gradevolissimi.  E potrete arricchire il vostro nuovo yogurt con pezzetti di frutta, cereali, spezie, facendolo diventare uno snack delizioso o, addirittura,  una pietanza completa e dietetica a seconda delle quantità consumate o delle scelte degli “accompagnamenti”: magari un bel pezzo di torta. . .Attenzione, però, Miele e Yogurt con le aggiunte, possono creare dipendenza come è successo al sottoscritto che ormai lo mangia tutti i giorni. Enrico M. Ricchi

Segue in:  Yogurt (3) Fermenti lattici e probiotici

 

 

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )