Torta Sbrisolona   (Lombardia)

L’impiego della farina di mais ne fa la torta padana per eccellenza, presente sotto vario nome su un arco geografico che spazia dalla Lombardia al Veneto (fregolata) con un’appendice montana in Trentino (torta fregolotti).Torta sbrisolona

La tradizione più autorevole, comunque, è quella di Mantova, anche perché legata alla corte dei Gonzaga che ha nobilitato una ricetta di evidente origine contadina con ingredienti all’epoca esclusivi della cucina principesca, quali mandorle, spezie e lo zucchero stesso.

In particolare le mandorle, prodotto tipico del Sud, onnipresenti sulle tavole dell’aristocrazia medievale e rinascimentale, con la loro potente carica apotropaica associata al simbolismo della luce e al mistero esoterico della rinascita, depurate della carica negativa che era riconosciuta invece alle noci per il loro presunto rapporto con l’attività stregonica.

Nella versione canonica gli ingredienti della sbrisolona sono farina gialla, farina bianca e zucchero in ugual misura ragion per cui veniva chiamata anche “torta delle tre tazze” più burro, tuorli d’uovo, mandorle tritate, vaniglia e scorza di limone.

L’amalgama che ne deriva è grossolano e ha la caratteristica tendenza a sbriciolarsi. A cottura ultimata si cosparge la superficie di zucchero semolato o a velo. La sbrisolona si serve da sola o con crema di mascarpone a parte. Il vino dolce della tradizione è il corposo Sangue di Giuda dell’Oltrepò Pavese.

SBRISOLONA  Preparazione

 Ingredienti 250 gr di farina bianca •200grdi mandorle, 200 gr. di zucchero, 200 gr di farina gialla macinata fine, 150 gr di burro, 120 gr di strutto •100 gr. di tuorli •2 limoni •vanillina.

Scottate in poca acqua bollente le mandorle per poterle pelare. Asciugatele e tritatele non troppo finemente. Sulla spianatoia fate una fontana con la farina bianca e quella gialla, mescolandole insieme. Unite alle farine le mandorle tritate, lo zucchero, una bustina di vanillina, la scorza grattugiata di un limone e due tuorli. Mescolate e aggiungere lo strutto e 100 gr di burro ammorbidito e a pezzetti. Lavorate l’impasto ma senza farlo diventare troppo omogeneo. Infarinate la tortiera e infornate a 180°C per circa un’ora. A cottura ultimata, sfornate la torta, lasciatela intiepidire e cospargetela con un poco di zucchero a velo.

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )