Prima colazione: un’occasione importante

Prima colzione 2 La prima colazione è una occasione alimentare delle 3 o 4 giornaliere (prima colazione, pranzo, spuntino, cena). Ogni individuo, dalla nascita fino all’età più adulta, ha un proprio individuale metabolismo, che si traduce in un fabbisogno giornaliero in energia e in nutrienti principali che sono proteine, grassi, zuccheri.

Questi nutrienti assunti con gli alimenti hanno tutti una funzione calorica ovvero tutti forniscono all’individuo l’energia indispensabile a compiere le funzioni biologiche e da lavoro dell’organismo umano. Si potrebbe infatti paragonare la macchina a motore, che in assenza di un combustibile, in questo caso la benzina, non sarebbe in grado di mettersi in moto, o una volta messo in moto, di proseguire la sua marcia senza avere rifornito il serbatoio di carburante.

I nutrienti pricipali sono presenti nei diversi alimenti in quantità molto variabili, sicché non esiste in natura un alimento che abbia la stessa composizione bromatologica (chimica) di un altro. Vi sono alimenti che appartengono alla stessa classe merceologica (ad esempio: pasta, pane, farina che appartengono alla stessa famiglia dei cereali) assumono in certi casi la stessa valenza nutrizionale di un altro, senza per questo però essere completamente e del tutto sostituibile coni altri.

Ciascuno di essi infatti ha una funzione prevalente al fatto di fornire energia: adì esempio le proteine hanno funzione di costruzione e riparazione dei tessuti, per cui \ nelle condizioni di accrescimento (dalla nascita fino ai 25 anni), il fabbisogno risulta aumentato rispetto al fabbisogno di 1 un adulto sano, così come dopo un intervento chirurgico o in caso di fratture o lesioni muscolari.

I carboidrati hanno la funzione principale di fornire energia prontamente utilizzabile: gli zuccheri naturalmente contenuti nel latte e nella frutta o aggiunti nei biscotti, nelle merendine, in tutti i prodotti dolciari danno energia prontamente disponibile, per le loro strutture molecolari sono facilmente disgregabili, in quanto di piccole dimensioni rispetto ad una molecola di proteine o di grassi. I grassi invece forniscono energia di riserva ovvero utilizzabile solo in caso di digiuno prolungato o in altre situazioni di emergenza.

Sali minerali e vitamine hanno invece funzione plastica, ovvero di sostegno alle reazioni cataboliche (di degradazione) di proteine, grassi e zuccheri, le quali, in assenza di uno o più di essi o non potrebbero realizzarsi o compiersi o verrebbero rallentate, con il risultato che il metabolismo ne verrebbe alterato

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )