Lunario, casa, orto, benessere: Febbraio 2018

FEBBRAIO 2018.  La luna è calante dal 1° al 6, dal 7 al 14 febbraio, e la luna è crescente dal 15 al 22, dal 23 al 28 febbraio.

Lunario_html_m5c55bbc3

   Fenomeni celesti e Feste del mese. – Eclissi parziale di Sole giovedì 15, non visibile in Europa. Visibile in Antartide, Cile, Argentina e nell’Oceano Pacifico meridionale. LUNA .  Domenica 11 alle ore 15 è all’Apogeo (distanza massima) dalla Luna. ZODIACO  Costellazioni. II 16 alle ore 12.85 il Sole entra nella costellazione dell’Acquario. ZODIACO Segni II 18 alle ore 18.18 il Sole lascia il segno dell’Acquario ed entra in quello dei Pesci.

Il Carnevale 1918 cade l11 febbraio. I festeggiamenti principali si svolgono il Giovedì grasso,  8 febbraio e il Martedì grasso,  13 febbraio, cioè l’ultimo giovedì e rlecchino di Claudia Contil’ultimo martedì prima dell’inizio della Quaresima: il Martedì grasso è il giorno di chiusura, dato che la Quaresima nel Rito Romano inizia con il Mercoledì delle ceneri 14 febbraio.

  Le origini del Carnevale. Il termine “Carnevale” a livello nozionistico deriva dall’espressione “Carnem levare” con cui, nel Medioevo, si indicava la prescrizione ecclesiastica di astenersi dal mangiare carne a partire dal primo giorno di Quaresima, vale a dire dal giorno successivo alla fine del Carnevale, sino al Giovedì Santo prima della Pasqua. Il Carnevale, infatti, nel calendario liturgico cattolico/romano, si colloca tra l’Epifania (6 gennaio) e la Quaresima. Le prime testimonianze documentate del Carnevale risalgono all’epoca medievale e parlano di una festa caratterizzata da uno sregolato godimento di cibi, bevande e piaceri sensuali; della sovversione dell’ordine sociale vigente con scambio dei ruoli soliti, nascondendo la vera identità dietro delle maschere.

FESTE DI ALTRI CALENDARI. 16 venerdì Capodanno cinese: anno del Cane (4715)mucca in strada

L’APPUNTAMENTO: II 10 febbraio è il “Giorno del ricordo”. Una giornata che commemora la tragedia della Guerra, delle vittime delle Foibe e l’esodo di istriani, fiumani e dalmati dalle loro terre nel dopoguerra. La data coincide con la firma, nel 1947, del trattato di pace che assegnava l’Istria e parte della Venezia Giulia alla Jugoslavia.

IN CASA- Composta di mele – Un modo per conservare e utilizzare le mele d’inverno è quello di farne una composta, in Luna calante, gustosa e davvero semplice da preparare. Sciogliete  kg di zuc­chero per ogni litro di acqua e ogni chilo di frutta. Quando è ben sciolto aggiungete le mele tagliate in 4, per poi farle bollire per 30 minuti circa. Con il preparato riempite dei vasi da aromatizzare con qualche foglia di timo, santoreggia o, senza esagerare, un pizzico di cannella. Sterilizzate i vasi a bagnomaria per 20 minu­ti. Questa composta è ottima con ricotta, formag­gio, ma anche da sola. benessere dentro e fuori.

Per il sistema immunitario: non solo aranceAgrumi e ancora agrumi, necessari in questa stagione. Utili contro influenza, raffreddore, malattie infettive e debolezza stagionale, non tutti conoscono però i vari tipi che ci aiutano a star bene. Gè ne sono infatti di diverse specie, ognuna capace di apportare un partico­lare beneficio. Eccole. Il cedro, un grosso frutto con la buccia gialla, spessa e ruvida, che può pesare fino a due chili, contiene molto calcio. La Limetta, un frutto simile al limone ma più dolce, è l’ideale per fare infusi caldi, utili a dare sollievo allo stomaco durante o dopo l’influenza. L’arancia nana o kumquat è un piccolo agrume ovale, molto aromatico, fortemente alcalinizzante (riduce l’acidità dell’organismo) e digestivo se mangiato a fine pasto. L’arancio amaro non si mangia, ma il decotto di fiori e foglie è rilassante e favorisce il riposo contro lo stress dei mesi invernali, mentre la buccia è digestiva.

IL CONSIGLIO- II troppo calore compromette l’aroma dello zafferano. Aggiungetelo solo a fine cottura, dopo l’infusione

FRUTTA FRITTA DI CARNEVALE (per 6 persone) Preparate una pastella con 200 g di farina O e i tuorli di 2 con 200 g di farina O e i tuorli di 2 uova, lasciando da parte gli albumi. Amalgamate con 300 g di maraschino, versato a filo per evitare i grumi. Montate gli albumi a neve con un pizzico di sale e uniteli alla pastella. Sbucciate 2 mele renette, 2 banane e 2 pere. Togliete il torsolo a mele e pere, e fate delle fette ad anello. Tagliate a rondelle un po’ oblique le banane. Passate la frutta nella pastella e friggete in abbondante olio. Scolate e spolverate con zucchero

LA BORSA DELLA SPESA. °Ortaggi: carciofi, cardi, carote, catalogna, cavolfiori, cavoli broccolo, cavoli cappuccio, cavolini di Bruxelles, cavoli verza, cicorie, cicorini da taglio, cime di rapa, cipolle, finacchi, indivie, lattughe e lattughini, porri, radicchi rossi, rape, ravanelli, rucola, sedani, spinaci, valeriana e valerianella. FRUTTA: arance, clementine, kiwi, limoni, mandarini, mele, pere conference, pompelmi.   Pesce. La sua qualità dipende anche dalla  provenienza e freschezza. Dagli allevamenti arriva pesce più grasso, spesso trattato con antibiotici. Meglio quello selvaggio, cresciuto in mare, con polpa bianca, soda e molto tenera. Se è fresco, avrò la pelle aderente alla polpa,ben tesa e senza pieghe.

SALUTE. proverbio del mese : “Se volete star bene, fate una colazione da re, pranzate da principe, cenate da povero“. Anzi, a volte sarebbe addirittura un bene saltarla, la cena. A tutte le età.Ma anche il movimento è essenziale per la salute. L’uomo è fatto per muoversi, camminare. Soltanto con l’evoluzione, con l’organizzazione del lavoro non abbiamo più necessariamente dovuto fare movimento fisico per guadagnarci da vivere. E allora dobbiamo ritagliarci nella giornata almeno trenta minuti per una camminata a passo sostenuto. Si dice che non si ha tempo. Non è vero, se ne spreca un sacco a guardare stupidaggini in televisione.

MeraviGLie D’italia. La Foresta dei Violini. Una delle foreste più famose d’Italia è quella di abeti rossi, a Paneveggio, in Trentino Alto Adige. Era notissima in passato perché qui venivano scelti gli alberi, tagliati in Luna calante, per la costruzione dei più famosi violini del mondo, gli Stradivari. Pare che proprio lui, il liutaio Stradivari in persona, venisse a scegliere gli alberi plurisecolari  di abete rosso per la loro particolare “risonanza.  Biblioteca Malatestiana di Cesena. Unica e straordinaria, la Biblioteca Malatestiana è la prima “italiana” accolta dall’Unesco, nel 2005, nella “Memoria del Mondo”. Aperta nel 1454, è un prezioso esempio di architettura rinascimentale opera di Matteo Muti, allievo di Leon Battista Alberti. Due i suoi primati: è stata la prima biblioteca civica d’Italia e d’Europa, ed è l’unica biblioteca monastica giunta a noi nella stessa veste delle origini.

 NELL’ORTO, con luna crescente . Si semina in semenzaio riscaldato (letto caldo, coltura riscaldata) prima metà del mese: basilico, anguria, cetriolo, melanzana, melone, peperone, pisello, pomodoro, zucchina.   In vasetti in coltura riscaldata: anguria, cetriolo, zucchino, , pomodoro, zucchina, peperone.contadini che zappano

      In semenzaio in coltura protetta: seconda metà del mese: indivia sedano da costa, basilico, melanzana, peperone, pomodoro. A dimora in coltura protetta: erbe aromatiche (timo, santoreggia, lavanda). Al Sud bietola da orto, carota, prezzemolo, ravanello, rucola.  A dimora all’aperto (non meno di 5°C): seconda metà del mese: bietola da orto, prezzemolo ravanello,  agretto, rucola, bulbilli di aglio, radicchio, radice amara, cipolla, lattuga da taglio, 

       Lavori: Si fanno germinare le patate da semina e si trapiantano in coltura protetta cicoria, cipolla, lattuga a cappuccio

NELL’ORTO con luna calante, Semina. In semenzaio riscaldato (letto caldo- coltura riscaldata). prima metà del mese: sedano. In semenzaio in coltura protetta. Seconda metà del mese: spinaci, lattuga cappuccio primaverile, cavoli, sedano. A dimora all’aperto ( a non meno di 5°C): scalogno, cipolle (bianca, colorata, cipollina), lattuga e radicchio da taglio, spinacio, valerianella, bietola da coste. In semenzaio all’aperto cavolo cappuccio primaverile estivo, cipolla colorata.

Trapianto e piantagionePiantagione all’aperto: Aglio, cipolla (piccoli bulbi), scalogno topinambur.pecore da lana Potatura. Ringiovanire le piante aromatiche suffruticose (aglio, rosmarino ecc.)

LavoriPreparare il terreno per accogliere le prossime semine, i trapianti e l’asparagiaia: vangare profondamente i terreni asciutti e concimare con letame (concimazione di fondo) * eseguire le concimazioni di fondo* rincalzare i piselli seminati in autunno * aerare i cassoni dove sono state effettuate le semine * verso fine mese: fare pregerminare in ambiente caldo i tuberi di patata, staccare i germogli delle patate conservate * imbianchire il radicchio di Treviso e di Verona.

Concimazione verdeSeminare crescione, favino, spinacio, senape* interrare le colture da sovescio (segale, facelia, senape, spinacio)

Trapianto e piantagionePiantagione all’aperto: Aglio, cipolla (piccoli bulbi), scalogno topinambur.pecore da lana

Potatura. Ringiovanire le piante aromatiche suffruticose (aglio, rosmarino ecc.)

LavoriPreparare il terreno per accogliere le prossime semine, i trapianti e l’asparagiaia: vangare profondamente i terreni asciutti e concimare con letame (concimazione di fondo) * eseguire le concimazioni di fondo* rincalzare i piselli seminati in autunno * aerare i cassoni dove sono state effettuate le semine * verso fine mese: fare pregerminare in ambiente caldo i tuberi di patata, staccare i germogli delle patate conservate * imbianchire il radicchio di Treviso e di Verona.

Concimazione verde.Seminare crescione, favino, spinacio, senape* interrare le colture da sovescio (segale, facelia, senape, spinacio)

     NEL GIARDINO con luna crescente: Potare le rose e le siepi, le specie a foglia caduca; su piante deboli fare tagli drastici: il contrario su piante vigorose.  Semina: in coltura protetta, si seminano le specie annuali a fioritura primaverile precoce come begonia, garofano, bocca di leone, dalia petunia, portulaca salvia ornamentale ecc. Si mettono a dimora alberi  e arbusti. In vaso si seminano viola e violacciocca. A dimora si seminano le rampicanti annuali proteggendole con pacciamatura.

Trapianto e riproduzione Si ripiantano e si dividono le perenni a fioritura primaverile, le spoglianti e i cespi delle piante vivaci. Si transemina e si riparano le chiazze vuote nel prato. Piantare in piena terra la forsizia. Si riproducono per talea le piante a fusto tenero, arbusti, rampicanti a foglia caduca, rosa e ortensia. Mettere i mazzi di radici di dalia al riparo o in serra per ottenere talee, dividere i cespi delle piante vivaci e ripiantarle prima che mettano foglie.

NEL GIARDINO  con luna calante: Potatura: Potare o cimare alberi e arbusti che hanno fiorito in dicembre e gennaio, e nelle regioni dove non c’è più il rischio di gecarriolalate tardive * piantare e cimare appena passato il gelo: alberi, arbusti e piante legnose a foglia caduca eliminando i rami morti e tagliando quelli inutili * potare la rosa, la Stella di Natale, e l’ortensia * potare e regolare le siepi attendendo per le sempreverdi che il freddo sia passato

Lavori: Lavorare e concimare il terreno * vangare le aree di terra destinate a prato e aiuola * controllare i tuberi conservati in magazzino

  NEL FRUTTETO con luna crescenteCon il cielo sereno  e il terreno non è gelato, si piantano e trapiantano alberi e arbusti da frutto   a redice nuda e senza pane di terra.. Mettere intorno alle radici terreno asciutto e compost vegetale. Prelevare le marze per gli innesti di meli, peri e cotogni, da conservare al freddo e al buio.. Si propagano per pollone e divisione del cespo gli arbusti da frutto.

NEL FRUTTETO  con luna calante. Potatura. Effettuare la potatura di allevamento delle pomacee (melo, pero, cotogno) e delle drupacee (pesco, susino, albicocco e mandorlo) * eseguire sul castagno le operazioni di sfoltimento e rinnovamento della chioma, pulizia dei ceppi con il taglio dei polloni nelle vecchie piante * potare le piante dei piccoli frutti e la vite.    Innesto.Prelevare nelle drupacee, prima dell’ingrossamento delle gemme, i rami di un anno che serviranno per effettuare gli innesti a spacco e a corona all’inizio della fase vegetativa delle piante* le marze vanno chiuse in sacchetti di plastica e conservate in frigorifero.  Lavori.Preparare il terreno per gli impianti primaverili * preparare le buche per le nuove piante di olivo * riordino e pulizia generale dei frutteti * Si effettuano i trattamenti anticrittogamici prima del risveglio della vegetazione.   Concimazione verde. Seminare le piante foraggere da sovescio.   In cantina: Si travasa il vino

   NEL CAMPO  :  Semina: Nella prima decade seminare la varietà primaverile di grano e verso la fine del mese seminare avena e pisello proteico primaverile

 

Cosa fare in cantina: Si imbottigliano i vini frizzanti.

Balcone e limonaia. Fare talee di rose ed agrumi: prelevare rametti di circa 10 cm. e metterli in vasetti con torba e argilla espansa, da tenere umide. Proteggere la parte aerea con tessuto-non tessuto. Sul balcone è il momento di piantare in Luna crescente, ribes e uva spina. Facili da coltivare e belli da vedere, bastano poche piante di ribes bianco e rosso e uva spina di varietà bianca e rossa, per avere un piccolo “boschetto” fruttifero. Non hanno particolari esigenze, vasi più profondi (40 cm.)  che larghi. Annaffiare una volta l giorno: trattamento con concime organico (letame) in inverno. Potatura dei rami secchi in ogni stagione.Lunario_html_m5c55bbc3

Luna sarà piena il 31 gennaio alle ore 14 febbraio e Nuova il 15 di febbraio alle ore 22,05: l

I giorni di luna piena rappresentano il momento migliore per dedicarsi alla raccolta delle erbe aromatiche da essiccare. L’orto di gennaio offre la possibilità di dedicarsi alla raccolta non soltanto di salvia alloro e rosmarino, ma anche di timo e origano. La fase di luna piena è ritenuta l migliore per dedicarsi alla concimazione degli alberi da frutto.tacchini

RACCOLTA DEL MESE

Orto: Cavoli (broccolo di Bruxelles, verza, cappuccio), porro, radicchio di Treviso e di Verona: In coltura protetta: cicoria, radicchio da taglio e da cogliere, rucola, prezzemolo, ravanello, valerianella.


Tesoro di cenere: 
Non buttare la cenere di legna del caminetto e non buttare le foglie e gli scarti del vostro “giardino” del terrazzo del balcone. La cenere servirà in primavera, nei vasi attorno alle insalate o agli altri ortaggi concima e tiene lontane le lumache. Distribuita sul terreno come facevano già i romani, lo arricchisce di minerali, fosforo, calcio e, soprattutto potassio. 

 

 

 

 

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )