Virtù del peperoncino

peperoncinoInsaporisce consentendo di usare poco sale, favorisce la digestione delle proteine, e può accorciare in generale i tempi della digestione, ha discrete proprietà antibatteriche nelle conserve casalin­ghe, è una buona fonte di vitamina C (170-180 mg. per etto) e come tale da secoli utilizzato dalle popolazioni arabe. Numerose e poco conosciute sono le virtù del peperoncino (o, meglio, delle oltre 400 varietà di questo vegetale), ma bisogna anche osservare qualche accortezza per sfruttarle al massimo. Non usarlo sottaceto, in quanto l’aceto rallenta il rilascio della capsicina, la sostanza responsabile della sensazione di piccante (a proposito, non è affatto vero che più piccante è, il peperoncino fa meglio.

«La vitamina C, viene, per esempio, salvaguardata soprattutto se il peperoncino è aggiunto a crudo», dice il dott. Oliviero Sculati. «Altre proprietà vengono perse nelle preparazioni io). La digeribilità del peperoncino viene invece esaltata, per molte persone, dal fatto di lasciar riposare la pietanza con il peperoncino per una notte, per poi mangiarla, il giorno dopo, più amalgamata e quindi più sapida.

Rovescio della medaglia: un peperoncino molto piccante “stordisce” le papille gustative, che rimangono- insensibili agli altri cibi. Contro questo effetto non serve ingollare bicchìeroni d’acqua, meglio masticare un pezzette di pane: dopo qualche tempo le papille si riprendono e si torna a percepire i l gusto dei cibi che acc

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )