La marmellata fa anche bene! barattoli per marmellata

Ad ogni modo, le marmellate e confetture, per la loro composizione, sono tra i dolci più rapidi da assimilare e facili da digerire: questa caratteristica le rende alimenti indicati per tutti.

Se la preparazione è di qualità e la frutta utilizzata è fresca, la marmellata ha notevole valore alimentare e mantiene elevati, se non intatti, i principi nutritivi e vitaminici della materia prima. Molto energetica – in media 100 grammi di confettura contengono 250 calorie, 25/30 per ogni cucchiaino: la marmellata è più facile da digerire rispetto alla frutta fresca perché contiene meno acqua.

In più, è lassativa per la presenza di zucchero e cellulosa, diuretica per il potassio, alcalinizzante e mineralizzante per i sali minerali, correttiva dell’acidità gastrica per la pectina, coadiuvante nelle affezioni epatiche per lo zucchero.

Con le marmellate perciò si può anche predisporre una blanda e gradevole farmacia domestica, tenendo conto delle varie proprietà dei diversi frutti:

mela, mela cotogna, nespolo, corniolo e agresto: astringenti.

prugna, caco, sambuco: lassative:

biancospino: calmante:

bergamotto: disinfettante interno:

fico, viola: emollienti

giuggiola: negli abbassamenti di voce e raucedine:

mirtillo: per la vista affaticata:

pomodoro: ricostituente:

primula: in stati di leggera vertigine:

frugola: rinfrescante e diuretica

pera: nelle convalescenze.

susina

Ricette per bergamotto, kunquat e mandarino

 

 

 

 

 

 

 

marmellata di Kumquat

Marmellata di bergamotto

Ingredienti: 500 g bergamotti, zucchero»

Cuocete i bergamotti interi in abbondante acqua finché sono teneri e si possono forare facilmente con una forchetta.

Scolateli, copriteli con acqua fredda e lasciateli riposare per un paio di giorni, cambiando l’acqua un paio di volte al giorno.

Dividete i bergamotti in quattro e affettateli il più sottilmente possibile, eliminando tutti i semi. Pesate la polpa ottenuta e cuocete con lo stesso peso di zucchero finché una goccia di sciroppo preso fra due dita “fila”.

Lasciate riposare una giornata, rimettete sul fuoco e cuocete altri 15 minuti prima di conservare nei vasi.

Probabilmente introdotti in Italia dai Saraceni (il nome deriverebbe dal turco berg amodi, cioè pera del Signore), i bergamotti erano molto usati nel Medioevo e nel Rinascimento per confezionare vari tipi di dolci.

Oggi sono la base per molte essenze profumate. I più pregiati sono quelli nostrani di Calabria e Sicilia, superiori come qualità anche a quelli di Nancy.

Perché siano commestibili, devono essere molto gialli e maturi.

Marmellata  di kumquat, mandarino cinese

kumquat, 2 arance, 1 limone, zucchero

Affettate molto sottilmente arance e kumquat, eliminando i semi, e copriteli con tre volte il loro peso di acqua.

Lasciate riposare una notte, quindi fate cuocere adagio finché pelle e polpa sono ben teneri. Aggiungete lo stesso peso di zucchero e il succo del limone e cuocete fino a giusta consistenza.

Marmellata di mandarini

500 g mandarini, 500 g zucchero

Cuocete per circa mezz’ora la buccia dei mandarini in mezzo litro di ac­qua. Scolate le bucce e unite all’acqua di cottura lo zucchero. Cuocete adagio per una decina di minuti, quindi aggiungete metà delle bucce passate al setaccio e gli spicchi dei mandarini accuratamente privati di pellicine bianche e semi. Cuocete per altri 15 minuti circa.

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )