ll processo d’invecchiamento dell’organismo viene ritardato, con una dieta attentamente studiata per riprodurre nell’organismo umano gli effetti  del digiuno; la dieta riduce anche  i fattori di rischio legati all’età, come diabete, cancro e malattie cardiovascolari. È quanto ha concluso uno studio pubblicato su Science Transation Medicine condotto da un gruppo internazionale di ricerca che comprende, tra gli altri, Longevity Institute dell’University of Southern California (USC), Istituto FIRC di oncologia molecolare (IFOM) di Milano e “Sapienza” Università di Roma.  La ricerca, effettuata su 100 volontari, nasce da oltre due decenni di test clinici condotti nel laboratorio dell’USC diretto da Valter Longo, coautore cesto di frutta e verduradell’articolo. La dieta si compone di zuppe vegetali al 100 per cento, barrette e bevande energetiche, tè e integratori, è priva di glutine e di derivati del latte. Si caratterizza per un basso tenore di calorie (770-1100), di zuccheri e di proteine (carni, pesce,uova, legumi,cereali) , di lipidi o grassi, e per un elevato contenuto di grassi insaturi. 

  In una serie di studi pre-clinici, questo regime dietetico ha dimostrato di fornire i macro e micronutienti necessari all’organismo umano, pur mantenendolo in “modalità digiuno: uno stato in cui il corpo risponde alla mancanza di energia protratta per lunghi periodi, bruciando innanzitutto gli acidi grassi liberi immagazzinati nel tessuto adiposo e bruciando anche piccole quantità di tessuto muscolare, per fornire glucosio al cervello.
  Questa modalità metabolica, che è accompagnata da numerose risposte adattative di tipo biochimicotisana e fisiologico, tra cui l’attivazione dei processi di rigenerazione dei tessuti dipendenti dalle cellule staminali in diversi organi e apparati, si può raggiungere con un digiuno protratto per diversi giorni consecutivi, bevendo solo acqua, e ripetuto periodicamente.

  Il prezzo però è un notevole rischio di ipoglicemia, ipotensione e calcoli biliari. Inoltre, la maggior parte delle persone non riesce a seguire questo regime dietetico. Per questo è nata l’idea di una dieta calibrata in modo da riprodurre solo i cambiamenti metabolici vantaggiosi per la salute.
In questo studio, gli autori hanno verificato gli effetti di cicli trimestrali della dieta da loro sviluppata su alcuni marcatori metabolici chiave e sui fattori di rischio associati all’invecchiamento e alle malattie legate all’età. Ogni ciclo dura cinque giorni consecutivi al mese e non richiede la modifica dello stile di vita anche nei restanti giorni. L’analisi dei dati clinici ha dimostrato che nei soggetti che avevano seguito la dieta erano significativamente ridotti fattori come peso corporeo, grasso corporeo, grasso del tronco, circonferenza della vita, pressione minima e massima, livelli di colesterolo, proteina C-reattiva (un indice d’infiammazione) in particolare in partecipanti a rischio di malattie, mentre la massa corporea magra (massa muscolare e massa ossea) era aumentata in termini relativi. Inoltre, era diminuito anche il fattore di crescita insulino-dipendente 1 (IGF-1), considerato un fattore di rischio di cancro e diabete.

Per chi vuole seguire una dieta del genere, è necessario che si rivolga al medico di fiducia.

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )