Infezioni delle vie aeree e mal di orecchiootite

La farmacia  spiega. Nei casi meno gravi di infezioni di naso, gola, bronchi, ci si può avvalere di numerosi rimedi provenienti sia dal mondo fitoterapico che omeopatico.

Tra le piante è sicuramente doveroso ricordare l’ontano nero (alnus glutinosa) che, grazie alla sua attività antiflogistica, mostra una forte tendenza a localizzarsi verso tutte le mucose infiammate; il pelargonium sidoides (geranio africano) limita il rischio di sovrainfezioni batteriche, permettendo un rapido recupero.

 Anche i rimedi omeopatici possono dimostrarsi dei validi alleati. La belladonna se è presente un dolore forte, pulsante e febbre alta con sudorazione; aconitum se i sintomi insorgono dopo un colpo di freddo; ferrum phoshoricum se è presente catarro nella tuba di Eustachio, e febbre non elevata 37.7-38; chamomilla se ci sono dolori molto forti e in concomitanza con l’eruzione dei primi dentini; hepar sulfur a basse diluizioni per favorire la fuoriuscita di pus, mentre ad alte diluizioni per farlo riassorbire.

L’otite è una malattia tipica dell’infanzia, frequente tra i 3 mesi e i 3 anni. In particolar modo l’otite media e una delle cause più frequenti di pianto prolungato inconsolabile soprattutto notturno.

Nell’infanzia non esiste otite senza raffreddore; è il muco presente nel naso a produrre infiammazione e quindi dolore. Le tube di Eustachio nei bambini si ostruiscono facilmente perché sono più piccole.

La miglior profilassi per questa infezione, quindi, è l’uso regolare di soluzioni fisiologiche per lavaggi nasali in modo da liberare le cavità dalle secrezioni purulente. Naturalmente il compito del farmacista è quello di dare un primo consiglio che possa migliorare lo stato di salute del paziente, ma, se i sintomi si aggravano è doveroso ricorrere alle cure di un medico.

Farmacia Rotoloni Belvedere Ostrense (An)

 

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )