I VINI DELLA BASILICATA

        Fra tutte le regioni la Basilicata è quella in cui si produce la minore quantità di vini; tuttavia si producono buoni e ottimi vini rossi superiori e da pasto, nonché un fine e simpatico vino bianco: l’Asprinio, un eccellente Malvasia di Rapolla e un pregiatissimo Moscato. I buoni vini rossi si producono nella zona di Ruoti, Melitene, Pietragalla e nella zona di Lagonero.

 Vini della Basilicata      Più famosi e sotto molti aspetti assai pregiati sono i vini rossi della zona del Vùlture, soprattutto nei comuni di Barile, Rionero in Vùlture e Rapolla. In questa zona, dove la vite è generalmente coltivata ad alberello e a coltura specializzata, si produce il celebre ed eccellente Aglianico dall’antichissimo vitigno (pare di origine greca). È un vino che con l’invecchiamento acquista pregi e finezze tali che gli permettono di gareggiare con i più grandi vini d’arrosto e selvaggina, essendo tra l’altro privo di «marca meridionale», ossia di quel particolare profumo e sapore peculiare dei vini rossi del Sud. L’elegante stoffa, la struttura organolettica, il bel colore, permettono la preparazione di un simpatico e amabile spumante rosso, dalla spuma sottile, fresco, finemente aromatico, armonico: l’Aglianico spumante.

      È da porre in rilievo il fatto che l’Aglianico del Vulture di buona razza, ha la caratteristica di « diventare » spumante, senza che intervenga alcun processo di lavorazione, a soli pochi mesi dall’imbottigliamento; caratteristica, questa, comune anche alla Malvasia e al Moscato. Se diciamo che i vini rossi superiori del Vulture sono molto apprezzati e ricercati dai commercianti del Nord, non diciamo una malignità; portiamo alla superficie una verità che contribuisce a sfatare alcuni luoghi comuni e pregiudizi sui grandi vini meridionali.

       ASPRINIO (uva Asprinio): bel colore paglierino chiaro, sapore fresco, sottile, piacevole, profumo delicato, elegantemente aggressivo, tale da renderlo eccellente vino da frutti di mare crudi. Gradazione alcolica 10,5-11°. Servire a 9-TO°C.

      MALVASIA (uva Malvasia): colore bianco paglierino carico, delicato e intenso profumo, sapore amabile, armonico, sottilissima spuma bianca naturale. Eccellente vino da dessert. Gradazione alcolica 11-12°. Servire alla temperatura di 8°C.

     MOSCATO (uva Moscato bianco): colore giallo ambrato, aroma deli­cato e intenso, sapore dolce e vel­lutato. Vino da dessert. Gradazione alcolica 12-14°. Servire a 8°C.

    AGLIANICO DEL VULTURE (uva Aglianico): colore rosso granato più o meno «foncé», spuma rossa, sapore franco, pieno, sapido e piacevole; tannico da giovane, acquista con l’invecchiamento toni austeri, che lo fanno diventare grande vino, caldo, tonico, armonico, dal caratteristico profumo che ricorda la viola. Dopo cinque anni diventa un vino da arrosto ed è particolarmente consigliato sui piatti saporosi e piccanti dell’ottima cucina locale. Gradazione alcolica 12-13°. Servire a 18-19°C.

A

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )