Erbe e spezie: uso e proprietà

Le erbe e le spezie sono sostanze naturali che conferiscono aromi e sapori particolari ai cibi a cui vengono aggiunte.

Le spezie sono tratte da parti diverse delle piante frutti, radici, cortecce, fiori, foglie) e sono reperibili sia essiccate che fresche.

Le principali spezie sono: anice, cannella, cardardamomo, chiodi di garofano, coriandolo, cumino, curcuma, noce moscata, paprika, pepe (bianco, nero, rosso), peperoncino, senape zafferano e zenzero.

Le spezie costituiscono un elemento fondamentale della cucina e si integrano con le erbe aromatiche come basilico, menta, origano, prezzemolo, rosmarino, salvia timo.

Esistono anche misture di spezie e di erbe: tra le più note sono il curry, il chili messicano e le cinque essenze cinesi.

Erbe e spezie in cucina e in farmacologia

Le erbe e le spezie usate per cucinare non solo esaltano il sapore degli alimenti e consentono di evitare cotture prolungate, ma forniscono anche all’organismo sostanze che, per le loro proprietà svolgono un ruolo essenziale sulla salute.

In farmacologia, quantitativi notevoli di droghe vengono utilizzati per la preparazione di estratti e tinture oppure per l’estrazione di alcuni principi attivi come glicosidi e alcaloidi.

In effetti i vegetali sono stati sempre studiati ed analizzati, ma con il sopraggiungere dell’era chimica, le erbe, molto efficaci in numerosi disturbi, sono state sostituite da prodotti di sintesi.

La fabbricazione di questi medicinali sembrava offrire la soluzione ad ogni malattia; però, negli ultimi anni medici e scienziati hanno pubblicato i risultati di studi e ricerche che dimostrano come i vecchi rimedi a base di erbe siano in effetti molto efficaci per disturbi che oggi vengono curati con medicinali spesso dannosi alla salute e all’organismo per i loro effetti secondari.bottega dello speziale

Oggi si ammette che, siccome la somministrazione di potenti medicinali di sintesi implica sempre un rischio, dovrebbero essere prescritti solo a malati molto gravi.

È inoltre accertato che le vitamine di sintesi non possono sostituire quelle naturali: ad esempio non si è mai potuto guarire lo scorbuto con la vitamina C di sintesi, mentre la malattia è stata debellata con la somministrazione di ortaggi e frutta come cavoli, limoni, peperoni ecc…

Fondamentale dieta equilibrata

In ogni caso una cura non potrà avere successo, se non è supportata da una dieta equilibrata. Il regime alimentare dovrebbe essere semplice e sano, anche se le sofisticazioni dei prodotti a causa dei concimi chimici e l’uso di antiparassitari tossici costituiscono un problema di difficile soluzione.

Se fate uso di erbe e spezie è consigliabile acquistarle intere; è più difficile che abbiano subito alterazioni ed inoltre conservano meglio le loro proprietà.

Potete usarle intere o macinate, tenendo presente che in ogni caso dovranno essere crude; oltre ad essere più nutrienti e digeribili, mantengono meglio gli elementi benefici che nella cottura con acqua abbondante vengono eliminati; in ogni caso è consigliabile la cottura a vapore o a stufato.

Sono decisamente da evitare i soffritti e la bollitura prolungata.

Le erbe fresche sono più ricche di sostanze attive di quelle essiccate; se volete coltivarle personalmente fate attenzione alla temperatura raggiunta durante l’essiccazione.

Il calore è infatti la causa principale della perdita dei principi attivi.

Le erbe fresche possono essere usate con maggiore abbondanza rispetto a quelle essiccate, ma è sempre consigliabile cominciare con piccole quantità sia per accertare la tolleranza del vostro organismo, sia per assicurarvi che l’aroma sia di vostro gradimento.

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )