2) Timballo e spaghetti: primi dalla Sicilia e dalla Campania

TIMBALLO DI RISO. 

Tempo di preparazione: 2 ore. Per 4/6 persone. Un chilo di riso, un pollo, una cipolla, 2 coste di sedano, 2 pomodori, 5 uova.gr.500 di piselli, uno scalogno, 2 cucchiai d’olio, gr.1OO di prosciutto cotto in una sola fetta.gr.1OO di formaggio tipo toma. Per la besciamella: gr.50 di burro, gr.5O di farina, mezzo litro di latte, sale. Parmigiano grattugiato e burro.

       COME SI PREPARA. Lessate il pollo in una pentola con acqua salata, insieme alla cipolla, il sedano e i pomodori interi. Scolatelo con le verdure e cuocete nel loro brodo il riso. Nel frattempo, preparate la besciamella: sciogliete il burro in un pentolino, incorporate la farina e mescolate bene con un cucchiaio di legno. Stemperate il composto con il latte e cuocete su fuoco dolce per una decina di minuti. Scottate brevemente i piselli e cuoceteli poi in una padella con l’olio, lo scalogno tritato e un po’ d’acqua.

      Spellate il pollo e tagliate a listerelle il petto. Tagliate a dadini il prosciutto e il formaggio. Rassodate 3 uova, sgusciatele e tritatele finemente. Incorporate tutti questi ingredienti alla besciamella. Scolate il riso al dente, mantecatelo con il burro e il formaggio grattugiato e stendetene metà in uno stampo leggermente unto di burro. Coprite con il composto di besciamella e prosciutto e terminate con il riso, livellandolo bene con una spatola. Pennellate il timballo in superficie con le 2 uova rimaste sbattute, spolverizzate con abbondante parmigiano grattugiato e passate la preparazione in forno per una ventina di minuti a 180°.

      COME SI PRESENTA.  Servite subito il timballo, direttamente nel recipiente di cottura.

Fatima Badala di Acireale: «Un piatto che si prepara nella mia famiglia da sempre. Mi ricorda i Natali della mia infanzia… quando per la casa si rincorrevano le voci e i profumi della festa»

 

     SPAGHETTI D’ORO.

Tempo di preparazione: un’ora. Per 4 persone. Gr. 4OO di spaghetti, gr. 3OO di gamberi, mezzo bicchiere di vino bianco, mezzo bicchiere di latte, un cucchiaino di curry, mezza bustina di zafferano, una bustina di funghi secchi, gr. 50 di burro. gr. 5O di parmigiano grattugiato, sale.

  COME SI PREPARA. Ammollate i funghi secchi in acqua tiepida. Scottate brevemente i gamberi in acqua bollente salata, sgusciateli e cuoceteli in un tegame con il burro sciolto Irrorateli di vino bianco e, quando questo sarà evaporato, unite il latte, il curry, i funghi scolati dall’acqua di ammollo, lo zafferano diluito in poca acqua e il parmigiano grattugiato. Cuocete su fuoco dolce 20 minuti, finché la salsa si sarà addensata. Lessate gli spaghetti in acqua salata.  

 COME SI PRESENTA Scolate gli spaghetti al dente e conditeli col sugo di funghi e gamberi. Serviteli subito.

Antonella Cacace di Napoli: «È una ricetta che ha funzionato durante le feste natalizie in alternativa ai piatti tipici napoletani»