Detergenti e maschere per il viso

bellezza pelle

Come tutti sanno, esistono diversi tipi di epidermide che richiedono attenzioni e modalità cosmetiche differenti e sarebbe quindi sbagliato uniformare i trattamenti. In linea di massima ognuno conosce per esperienza la propria pelle e le sue reazioni alle sostanze più comunemente usate, ma si possono eseguire anche esami clinici specialistici nei diversi centri che offrono questo tipo di servizio.

Pelli grasse

Molte persone hanno un viso con la pelle grassa, in modo particolare in alcune zone (sul naso, sotto gli occhi e sul mento): questo è un handicap per l’aspetto del volto perché punti neri e foruncoli tendono proprio a concentrarsi in queste aree. Per ovviare a tale inconveniente si può ricorrere alla vaporizzazione o, altrettanto efficacemente, alla preparazione di maschere appropriate.

Detergenti per pelli grasse

Avena, farina di mandorle e amido di mais sono tutte sostan­ze ad azione detergente se miscelate con succo di limone, aceto di sidro, acqua o latte tiepidi o siero di burro.

Albume d’uovo sbattuto o yogurt possono venire usati per controlla­re la quantità dei grassi, sia applicandoli direttamente sul viso, sia associandoli ad alcuni degli ingredienti citati e mescolandoli con piante medicinali, come millefoglie, camo­milla, fiori di sambuco, salvia o alchimilla.

Il té di millefoglie preparato con un infuso di due cucchiai da tavola di millefoglie essiccato in un bicchiere e mezzo d’ac­qua bollente è particolarmente adatto alla pulizia di pelle eccessivamente grassa. L’azione di un impacco facciale toglie alla pelle le impurità portandole in superficie e nello stesso tempo rassoda la pelle.

Maschere per pelli grasse

La gamma di piante medicinali, frutti e ingredienti utilizzabi­li per impacchi al collo e al viso è molto vasta: latte, yogurt, albume o tuorlo d’uovo, farina d’avena, miele o argilla han­no azione dilatante e rassodante.

Si può ricorrere anche a mezzi più semplici: basta sfregare la pelle con cetriolo fresco o con polpa di fragole. Per pelli meno grasse si consiglia di usare le maschere con cautela: benché queste inumidiscano la pelle, ripristinando gli oli naturali, vanno miscelate con attenzione affinchè agi­scano nel giusto modo.

Il metodo comune per applicare una maschera consiste nel raccogliere o proteggere in qualche modo i capelli, sdraiarsi su un letto o su una poltrona e applicare la maschera su viso e collo; si evitino le zone attorno agli occhi e alle labbra, essendo queste troppo delicate per essere stimolate; si solle­vino i piedi più in aito rispetto al capo riposando così per 10-15 minuti.

La maschera va poi tolta con acqua tiepida, usan­do fazzolettini di carta o cotone idrofilo.

Maschera astringente per pelli grasse

Mescolate in parti uguali succo di pomodoro e polpa di limo­ne; spandete la miscela sul viso facendo attenzione alle zone grasse; trascorso il tempo stabilito lavate con acqua tiepida.

Maschera di albume d’uovo e cetriolo

L’albume d’uovo è noto come rassodante della pelle e per la sua azione antirughe; ha molta efficacia su pelli non più gio­vani con chiazze oleose e porose, note come ‘pelle a buccia d’arancio’.

Si mescolano 2 albumi d’uovo, 1 cetriolo, 1 cucchiaino da caffè di succo di limone, 1 cucchiaino da caffè di foglie smi­nuzzare di menta, 1 cucchiaino da caffè di alcol al 50% (o alcol isopropilico) e cubetti di ghiaccio.

Sbattete gli albumi d’uovo miscelandoli con gli altri ingre­dienti in un frullatore elettrico (se vi è dell’eccedenza potete conservarla in frigorifero); spargete sul viso l’impacco lasciandovelo circa 8 minuti: se prima di questo tempo nota­te una sensazione di formicolio togliete l’impacco con acqua

tiepida e fazzolettini di carta o cotone idrofilo e spruzzate con acqua tiepida o alcol.

Pelli secche

È sconsigliabile usare maschere per pelli grasse su pelli non più giovani oppure naturalmente asciutte: l’albume d’uovo è particolarmente dannoso perché, seccando, sul viso diventa fortemente astringente.

Si devono usare sostanze grasse: tuorlo d’uovo come base, incorporandovi olio di girasole, olio di germe di grano, olio di mandorle o di semi di lino, succo di mela, succo di pesca o di pera mescolati a mandor­le macinate che rivitalizzeranno la pelle, stimolando i pori a secernere più grassi naturali.

Maschera di lievito

1 cucchiaino da caffè di miele, 1 cucchiaio da tavola di lievito di birra, 1 cucchiaino da caffè di infuso di Symphytum officina­le, 1 cucchiaino da caffè di latte o yogurt, 1 cucchiaino da caffè di infuso di calendola, 1 cucchiaino da caffè di olio per la pelle (olio di girasole, di avocado, di olivo o di arachidi).

Diluite il miele con alcune gocce d’acqua per renderne più agevole l’uso; mescolate col lievito aggiungendo poi il latte o  10 yogurt e l’infuso di piante medicinali. Lavorate il tutto sino a ottenere una pasta consistente; tamponate delicatamente 11 viso con l’olio e poi cospargete con uno strato di impasto. Lasciate riposare per circa 15 minuti, dopodiché togliete: per quest’ultima operazione usate fazzoletti di carta e spruzzate successivamente acqua tiepida.

Maschera a base di farina d’avena

La farina d’avena mescolata con acqua (di rose o di fiori di sambuco a piacere) è nutriente e detergente. Ottenuta una pasta spalmatela su viso e collo e lasciate asciugare per cir­ca 15 minuti; poi togliete usando fazzolettini di carta intri­si d’acqua tiepida e tamponando il viso con una pezzuola umida.

Maschera a base di frutta

Questa ricetta va eseguita in piena estate quando la frutta è matura. Mescolate fragole, pesche, anguria, ananas e cetrio­lo, con o senza albume d’uovo.

Riducete tutto in poltiglia usando un frullatore o un mortaio: la polpa dei frutti deve essere il più omogenea possibile. Spalmate sul viso e sul collo, rilassatevi per alcuni minuti e poi detergete il tutto.

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )