Sei cibi insospettabili da tenere sotto controllo.

30_11_02Il sale è tra gli ingredienti al cui consumo dobbiamo prestare maggiore attenzione: presente ogni giorno sulle nostre tavole, rischiamo di abusarne e, in questo modo, di “avvelenare” il nostro organismo. E’ ormai risaputo infatti che l’eccesso di sale rappresenta un fattore di rischio per la nostra salute e per questo i medici raccomando un consumo medio inferiore ai 1.500 mg., sufficiente per soddisfare il fabbisogno giornaliero.

Alla luce di ciò, ridurre il quantitativo di sale presente nella nostra dieta è una misura di prevenzione fondamentale, considerato che esso è già presente in modo naturale negli alimenti che consumiamo quotidianamente anche in quelli apparentemente insospettabili. L’American Heart Association e l’American Stroke Association hanno stilato una lista di pietanze e prodotti che contengono elevate percentuali di sale “nascosto”.

I 6 cibi da tenere monitorati o, almeno, da inserire con moderazione nella dieta quotidiana:

– Il pane (e ovviamente i prodotti da forno come crackers e grissini): basta una sola fetta di pane per introdurre il 15% della dose consigliata ogni giorno.

– La carne lavorata (ad esempio i salumi): il sodio, utilizzato come conservante, è presente in grande quantità, fino a 1.050 mg..

– Il pollame surgelato (in generale la carne già pronta da consumare per un pasto veloce): può contenere circa 600 mg di sodio

.- I sandwich (panini per hamburger): tra i più ricchi di sodio. Possono contenere anche più di 1.500 milligrammi di sodio.

– La pizza: anche la classica fetta di pizza finisce sul banco degli imputati. Bastano due fette per soddisfare il consumo giornaliero di sale…E non solo: a seconda del tipo può essere una considerevole fonte di grassi e di calorie!

– Le zuppe già pronte: sono particolarmente ricche di sodio e possono contenerne fino a 940 mg di sodio.

Si tratta prevalentemente di cibi lavorati, conservati e già confezionati, che dovrebbero essere pertanto sostituti da piatti più semplici e naturali. Quando si fa la spesa è consigliabile leggere quanto riportato sull’etichetta e verificare la quantità di sale presente nell’alimento. A tavola è preferibile utilizzare, quale alternativa al sale, spezie e piante aromatiche: origano, rosmarino pepe, peperoncino, erba cipollina, per citarne alcuni, sono perfetti per esaltare i sapori in modo naturale e salutare.

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )