Cioccolato: aspetti nutrizionali.

donna che mangia cioccolatini

 

Nella vita, tutto ciò che ci piace è immorale, oppure fa ingrassare. Una massima davvero azzeccata, per quanto riguarda il cioccolato, fra i più evidenti emblemi della trasgressione a tavola.

Una tavoletta da 100 grammi di fondente equivale a 515 calorie; essa contiene 33,6 grammi di grassi, 49,7 grammi di zuccheri e 6,6 grammi di proteine, ma è anche ricca di sali minerali, come il potassio, il fosforo, il magnesio, il calcio e il ferro, e di vitamine dei gruppi A, Bl, B2, C, D ed E.

La medesima quantità di cioccolato al latte, si compone mediamente di 50,5 grammi di carboidrati, 36,3 grammi di lipidi e 7,3 grammi di proteine, per un valore complessivo di 545 calorie, ma è più ricca di calcio, grazie all’apporto del latte (262 milligrammi).

Il cioccolato bianco apporta circa 530 calorie l’etto, con i suoi 58,3 grammi di zuccheri, 30,9 grammi di lipidi e 8 grammi di proteine; è ricchissimo di vitamina A (37,5 milligrammi) e di fosforo (230 milligrammi). Il gianduia è particolarmente ricco: equivale a 543 calorie l’etto, suddivise fra 48,6 grammi di zucchero, 36,9 grammi di lipidi e 7,2 grammi di proteine.

Notevole anche l’apporto di vitamina PP, pari a 2 milligrammi. La cioccolata in tazza si compone per il 35% di lipidi, per il 23% di zuccheri e per il 16% di proteine: un cibo tanto sano e nutriente da essere stato inserito dalla NASA nella dieta degli astronauti.

Una coppa di gelato misto arriva alle 600 calorie, un affogato alle 250. Le creme spalmabili alle nocciole contengono circa 537 calorie l’etto, mentre il semplice cacao si ferma a 312.tentazione

Nonostante tali valori calorici elevati, il cioccolato risulta facilmente digeribile: sono necessarie appena due ore perché venga assimilato. È quindi un alimento prezioso per chi deve compiere sforzi fisici intensi, come gli sportivi e i soldati.

Recentemente è stato assolto da molte accuse: non provoca l’acne e non alza il colesterolo, anzi lo ostacola, perché innalza il valore dell’HDL, il “colesterolo buono” che combatte la formazione dei depositi nelle arterie.

Per quanto riguarda i denti, oltre allo zucchero contiene sostanze immunizzanti dalla carie, che contribuiscono alla protezione dello smalto.

Ma il cacao è anche un serbatoio di sostanze antidepressive e di antiossidanti, come i polifenoli, che rafforzano i vasi sanguigni. C’è addirittura chi sostiene che un cioccolatino prima dei pasti possa essere utile alla linea, perché l’aumento del tasso di glucosio nel sangue può contribuire a calmare l’appetito.

Fra tanti elogi, un’unica pecca: è scientificamente provato che il cioccolato può essere causa di emicrania, a causa del possibile innalzamento della pressione che, in alcuni casi, può essere innescato dalla tiramina.

 

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )