Lo sport e l’attività fisica in generale, come è stato ormai ampiamente riconosciuto, è una potente barriera protettiva contro un’infinita serie di patologie e malanni, dall’efficienza cardiocircolatoria al sovrappeso, fino alla sana prevenzione contro raffreddamenti e influenza. C’è chi sostiene che esercitando una attività sportiva regolarmente, fin da piccoli, si possano guadagnare fino a 10 anni di vita e, comunque, ci  si ammala di meno, perché allenarsi con regolarità comporta numerosi vantaggi, tra cui  quello di stimolare il sistema immunitario, che ha il compito di difendere l’organismo dai patogeni esterni, specialmente virus e batteri.Sport di società: Zumba

     Più attivi, più intelligenti.  Molti studi hanno  certificato che l’attività fisica fa bene anche al cervello, salvaguardandolo dali’nvecchiamento precoce ed aumentandone le capacità mnemoniche e cognitive ben oltre la mezza età

     Una ricerca internazionale, coordinata dall’Università del Minnesota (Stati Uniti), durata ben 25 anni, su un campione di 2.700 persone, ha dimostrato che gli effetti positivi di esercizi come corsa, bicicletta o nuoto, se praticati da giovani, influenzano anche il cervello preservando la memoria e le capacità cognitive. In particolare. Un’attività di tipo aerobico, come la corsa, è in grado di bloccare il processo di invecchiamento cerebrale, come è stato dimostrato da una ricerca del Montreal Heart Institute, che ha monitorato un gruppo di soggetti cinquantenni, inattivi e in eccesso di peso. Tutti sono stati sottoposti a test neuropsicologici, cognitivi e biologici per quattro mesi, durante i quali si sono alternati esercizi di alta intensità mantenuti per 30 secondi ad altri ad intensità blanda, come camminare con passo sostenuto. Al termine della sperimentazione non solo i soggetti hanno mostrato un calo di peso, migliori parametri cardiaci e pressori ed una diminuzione del colesterolo, ma è stato riscontrato un aumento dell’ossigenazione del cervello e migliorate tutte le capacità cognitive e mnemoniche.

  Rugby praticato da Bambini     Un altro studio, stavolta dell’Università di Montreal, garantisce che se una donna incinta riuscisse a praticare 20 minuti di attività moderata, tre volte alla settimana, potrà garantire al neonato uno sviluppo cerebrale più maturo e più rapido.

   I vantaggi: Riassumendo, sono molteplici i vantaggi derivanti dallo svolgimento di una qualsiasi attività fisica:1 ) protezione cardiovascolare 2)  mantenimento del peso corporeo ideale 3)  rinforzo delle articolazioni  4)  controllo ormonale  5)  ritardo dell’invecchiamento  6) azione sulla psiche  7) diminuzione della pressione arteriosa  8) aumento dell’efficienza cardiaca, diminuzione del battito a riposo  9) aumento del colesterolo HDL, diminuendo il rischio cardiovascolare  10)  riduzione dei trigliceridi nel sangue  11 ) diminuzione della viscosità del sangue e del rischio di trombosi.

 Continua in  Quali Sport fare

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )