Come mangiano le Api ?

L’ ape operaia tende attraverso la trofallassi (scambio di cibo) a mantenere un’uniforme quantità e qualità di cibo nella loro ingluvie (borse melarie) e, in questo modo, ogni individuo è costantemente informato sulle condizioni della colonia nel suo complesso.

La sua fame e la sua sete personale sono all’incirca quelle dell’intera colonia e, ciò che è buono per un ‘operaia è buono per una colonia.

Oltre a contribuire all’organizzazione della colonia, la mutua alimentazione può costituire un vero e proprio autosacrificio: le api domestiche, sperimentalmente alimentate solamente con acqua zuccherina (quindi in assenza di polline, la fonte di proteine per le api), sono ancora in grado di allevare la propria prole (le larve)  metabolizzando e donando le proteine dei propri tessuti.

Edward O. Wilson, Sociobiologa.

 

Risotto al dolce

Ingredienti: miele Millefiorì della Maremma Toscana; 2 cucchiaini; gamberi 100 g; 1 bicchiere e 1/2 di vino bianco secco (Pinot); pinoli 50 g.; un porro; riso Carnaroli 300 g.; brodo di pollo 1 Iitro circa; panna fresca 4 cucchiai; Emmental 80 g.; burro e olio di oliva;• sale e pepe.

Preparazione: 30 minuti

Cuocere i gamberi per 8 minuti nel vino in cui sarà stato sciolto il miele, scolarli tenendo il vino e sgusciarli.

A parte soffriggere nell’olio metà pinoli spezzettati e il porro tagliato a fettine.

Mettere il riso a insaporire nel soffritto, poi il vino dei gamberi e farlo evaporare. Aggiungere poco alla volta il brodo.

Dopo 10 minuti circa unire i pinoli rimasti, appena scottati in poco olio, e i gamberi tagliati a pezzi grossi.

Un minuto prima che il risotto sia cotto aggiungere panna, emmental grattugiato, una noce di burro, pepe e aggiustare di sale

 

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )