Aceto piccantissimo e aromatico

Un litro d’aceto di vino rosso; una cucchiaiata per ciascuno dei seguenti ingredienti: basilico, timo, prezzemolo, menta, maggiorana, rosmarino, estragone (dragoncello), origano, senape bianca in polvere;

Una cipolla piccola; un pezzetto di cuore di sedano; 2 spicchi d’aglio;

Una foglia d’alloro; una foglia di salvia; 1/2 chiodo di garofano; sale; 30 grammi tra cannella, noce moscata e yeye.

In un barattolo di vetro delle giuste dimensioni versate metà dell’aceto, aglio, alloro, basilico, cipolla, estragone, menta, maggiorana, prezzemolo, rosmarino, salvia, sedano e timo tutti finemente tritati; aggiungete poi la cannella, il pepe, la noce moscata e il chiodo di garofano ridotti in polvere e infine l’origano.

Scuotete bene il recipiente dopo averlo chiuso e lasciatelo in un luogo fresco e buio, agitandolo una volta al giorno per tre giorni e poi lasciandolo completamente a riposo per 4 settimane. Trascorso questo periodo, frullate sino a quando avrete ottenuto un liquido denso e morbido, aggiun­gendo anche la senape, del sale e il rimanente aceto. Infine travasate in bottiglie e riponete in cantina per la conservazione.

Con l’aggiunta d’olio extravergine d’oliva, quest’aceto si presta ottimamente a condire patate lesse, bietole, scorzonera.

Può anche essere usato per la preparazione di salse per accompagnamento a pesce in bianco, o carni lessate

 

Un aceto da tavola buono per tutte le insalate

3 litri d’aceto di vino, 250 g di estragone (dragoncello), 25O g di fiori di sambuco,180 g di cerfoglio, 150 g di foglie di menta,150 g di scalogno, 100 g di basilico,100 g di santoreggia, 50 g di pepe macinato, 40 g di chiodi di garofano, 40 g di cannella, 30 g d’aglio,6 peperoncini rossi, 4 foglie d’alloro, un pizzico di timo, sale.

Malgrado che la preparazione di quest’aceto, adatto a condire ogni tipo d’insalata, richieda diversi ingredienti, essa è comunque piuttosto semplice.

Si tratta di lasciare tutte le erbe in infusione nell’aceto per sei settimane, possibilmente in un vaso di grès chiuso con un foglio di pergamena (perlomeno è quanto si consiglia nella ricetta tradizionale) esponendolo al sole.

Trascorso questo periodo, è sufficiente filtrare accuratamente e trasferire in piccole bottiglie per la conservazione.

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )