4,5 milioni di famiglie italiane non arrivano a fine mese

e si teme un peggioramento della recessione

Quattro milioni e mezzo di famiglie italiane (pari al 18% del totale) non arriva a fine mese, non riesce cioe’ a far fronte a tutti i pagamenti e sempre piu’ spesso pronunciano la frase: ”me lo segni sul conto”.

L’ultima fotografia dell’Italia della crisi la scattano Censis-Confcoommercio, accanto a quella dell’Istat che a settembre registra retribuzioni in frenata (+1,4% su base annua, dal +1,6% di agosto); in aumento il gap rispetto alla corsa dell’inflazione che segna +3,2% annuo a settembre), con un divario che si allarga a 1,8 punti. In assenza di rinnovi contrattuali a gennaio 2013 la crescita annua dell’indice delle retribuzioni crollerebbe, attestandosi allo 0,9%, dice ancora l’Istituto di statistica.

A fine dicembre, sono in scadenza gran parte dei contratti dell’industria (tra cui energia e petroli, energia elettrica, plastica, metalmeccanici) e quasi 4 milioni di dipendenti sono in attesa di rinnovo contrattuale. Le famiglie che non ce la fanno, alla prese con le spese obbligate (bollette, tariffe, trasporti, completamento dei servizi sociali) posticipano sempre di piu’ i pagamenti (da 13,3% di marzo al 21% di giugno).

Dai dati Censis-Confcommercio la luce in fondo al tunnel nel 2013 non si vede proprio: i consumi segneranno -0,9%, il Pil -0,8%, gli investimenti -3,5%, tutti rivisti al ribasso. Le stime 2012, anch’esse al ribasso, sono ”da grande crisi”: consumi in profondo rosso (-3,3%, erano -0,5% a luglio), Pil giu’ del 2,3% (-0,1% a luglio), investimenti -9,2%.

A fronte di cio’, segnala l’outlook sui consumi, la pressione fiscale e’ da ”record mondiale”.45,55 la stima del governo per il 2013 che sale a 55,2%, livello reale al netto del sommerso, sempre nel 2013. Per i consumi, il biennio 2012-2013 ”appare il peggiore della storia della Repubblica, e va aggiunta la legge di Stabilita”’ secondo l’ufficio studi della Confcommercio. Nel confronto tra Pil ed entrate fiscali il 2008 e il 2013, ci sono 50 miliardi di tasse in piu’, dice lo studio. Eppure, nonostante tutto, il Bel paese mostra segni di vitalita’: nei primi 9 mesi sono nate 300mila nuove imprese di cui 33mila nel commercio a dettaglio (dove pero’ la mortalita’ e’ molto superiore).

La propensione al consumo e’ (ancora!) crescente grazie al risparmio accumulato (il 17% riesce a risparmiare), nel 2002 era all’86,8% nel 2013 sara’ al 93,5%. E c’e’ uno zoccolo di duro di ”giapponesi” (29%) che giura di non voler rinunciare a nulla, rimodulando le priorita’ di spesa. ”Ma non puo’ durare per sempre – dice il presidente Confcommercio Carlo Sangalli – istituzioni, parti sociali, imprese devono fare in modo di valorizzare tale patrimonio, se la propensione dovesse cominciare a scendere nuove recessioni si profilerebbero all’orizzonte”.

 

Le foto di cui sopra, le abbiamo già viste. Un domani, al posto di quei bambini di colore ci potrebbero esseri bimbi bianchi?

Nella lingua latina monumèntum il ricordo (mònere significa ricordare, far sapere). È possibile costruire un monumento contro la fame per ricordare a coloro che mangiano che un miliardo di persone non ha cibo sufficiente per vivere? Che ogni giorno muoiono più di venticinquemila persone d’inedia?

Che nel tempo di lettura del testo di questa esercitazione moriranno cinque bambini per fame?  Che continueranno a morire mentre mangiamo, studiamo, dormiamo, ridiamo, facciamo l’amore, ci disperiamo per le piccole contrarietà della vita corrente?

Da tempo immemorabile l’equilibrio tra la produzione di alimenti e il loro consumo è colpevolmente alterato perché sia le cause naturali come le ragioni più infami dei potenti hanno sempre congiurato a rendere le disponibilità inferiori al fabbisogno. Eppure oggi le cose non sarebbero più così.

 

Leave a Reply
Your email address will not be published.
  • ( will not be published )