2 – Ideale latte della mamma (1)

Fino ai quattro – sei mesi l’ideale è il latte della mamma

  • Secondo tutte le più importanti autorità pediatriche mondiali,per il neonato, fino ai tre-sei mesi il modo migliore per nutrirsi, è l’allattamento al seno. Il latte materno è fisiologico per la specie umana, è l’ideale per l’igiene, apporta fattori immuno-difensivi, non è allergizzante, ha una grande importanza psicoaffettiva. La sua composizione varia in base alle necessità del bambino: alla nascita rispetto ai momenti successivi e man mano che il piccolo cresce, nelle 24 ore, nel corso della poppata.
  • Quando manca il latte materno, si dovranno adottare i latti industriali. Il “latte d’inizio”, sarà l’unico alimento per il neonato e deve quindi soddisfare tutte le sue esigenze in un periodo in cui l’accrescimento e i bisogni nutrizionali sono massimi. L’uso di latte di mucca è sempre controindicato prima dell’anno di età.
  • Lo svezzamento deve incominciare non prima della fine del quarto mese di età e non dopo la fine del sesto, e deve essere lento e graduale: via alle prime pappe ma ancora latte materno o “di proseguimento”.
  • Lo svezzamento va iniziato in momento di benessere del bambino. Gli alimenti nuovi vanno introdotti oer gradi, non più di uno ogni sette giorni. Vanni evitati in modo assoluto i cibi con coloranti, conservanti, aromatizzanti. Nella preparazione è bene non usare sale, che non è indispensabile e che può condurre, nel tempo, all’ipertensione. Gli esperti sono favorevoli all’uso di omogeneizzati industriali, che garantiscono sicurezza di selezione delle materie prime, sicurezza di equilibrio nutrizionale, sicurezza igienica e costanza di qualità